Agenzia regionale di Protezione Civile, Ciocca interessa la Corte dei Conti

BIG.jpg

«Ho provveduto ad inoltrare alla Corte dei Conti, Sezione regionale di controllo, e alla Procura della Repubblica, per conoscenza, l’elenco delle fatture ricevute dall’Agenzia regionale di Protezione Civile attestanti spese non autorizzate da alcun impegno formale e in assenza di precisi stanziamenti in Bilancio».

Lo comunica, in una nota stampa, il consigliere delegato alla Ricostruzione post sisma 2002 ed alla Protezione Civile, Salvatore Ciocca.

«Dal rendiconto meticoloso effettuato nelle ultime settimane – rileva Ciocca - abbiamo avuto contezza di 313 fatture, alcune delle quali già oggetto di decreti ingiuntivi; si tratta, in quasi tutti i casi, di richieste di pagamento non supportate né da atti amministrativi congrui, né tantomeno da corretti stanziamenti di fondi indispensabili per poter far fronte a spese che non risultano, nella stragrande maggioranza dei casi, essere mai state autorizzate. Una situazione che ha portato ad attestare, al momento, un debito complessivo per circa 2 milioni di euro».

Il consigliere delegato chiarisce che «l’azione istituzionale che ho inteso intraprendere, alla luce anche delle enormi difficoltà riscontrate dal Collegio dei revisori dei conti (insediatosi con il nuovo Governo regionale e non fin dalla nascita dell’Arpc, come invece la legge obbliga a fare) nella compilazione del Bilancio 2012, è tesa sia alla disamina della situazione economica dell’Agenzia sia alla necessità di fornire risposte serie a chi, senza alcun atto che ne attestasse la regolarità e ne certificasse la praticabilità, ha comunque fornito beni, servizi o prestazioni professionali e, al moment,o non può vedere soddisfatte le proprie istanze a causa dell’assoluta irritualità delle procedure fin qui seguite».

categorie: 

Realizzato da . Copyright 2001-2018.