Pozzi Cercemaggiore, quattro Comuni avviano la class action

BIG.jpg

«I Comuni dell’area coinvolta pesantemente dai fenomeni di inquinamento ambientale, che si suppone derivino dalle attività svolte nella zona sulla quale insistevano i giacimenti estrattivi della Montedison, hanno stretto un patto di ferro a salvaguardia della salute dei propri concittadini e, insieme, hanno deciso di affidare ad un team di stimati e valenti professori universitari la ricerca di una verità per troppo tempo tenuta nel più rigoroso riserbo».

Ne dà notizia il consigliere regionale, Salvatore Ciocca, che spiega: «Una verità che ho inteso perseguire, in qualità di presidente della Terza Commissione consiliare permanente, cominciando fin dal novembre scorso con una serie di attività istituzionali tesa all’acquisizione sia degli atti autorizzativi sia dei risultati delle indagini ambientali effettuate negli anni sui terreni e sulle falde acquifere della zona».

«Il caso dei pozzi di Cercemaggiore – continua il presidente - con la congiunta azione di verifica relativa a cosa sia stato effettivamente sversato nelle vasche e nei siti intorno ai quali si registrano picchi anomali di radioattività superiore fino a 10 volte a quella del fondo naturale, è anche all’attenzione, come è noto, del Ministero dell’Ambiente».

In tale contesto, i Comuni di Cercemaggiore, Riccia, Santa Croce del Sannio (BN) e Castelpagano (BN) hanno deliberato di avviare la class action tesa al chiarimento definitivo dell’intera vicenda e delle eventuali responsabilità collegate all’inquinamento che oggi è certificato dalle analisi dell’Arpa Molise. L’obiettivo di queste azioni sinergiche è quello dare risposte a chi vive in quei territori.

«Abbiamo tutti il dovere di fornire motivazioni serie, rigorose e scientifiche ai troppi decessi che si sono registrati in passato e che ancora oggi distruggono vite, famiglie, affetti», precisa l’esponente di Palazzo Moffa. «Un “percorso verità”, quello avviato dai Comuni, che mi vedrà sempre partecipe, in maniera attiva, propositiva e collaborativa: dobbiamo avere certezze sulle quali poter avviare politiche incisive, che salvaguardino la salute dei nostri cittadini e che diano risposte agli interrogativi per troppo tempo rimasti senza alcuna risposta», conclude Ciocca.

categorie: 

Realizzato da . Copyright 2001-2018.