Diritto all’informazione e parità di accesso, presentato ordine del giorno bipartisan

BIG.jpg

«Diritto all’informazione e parità di accesso ad essa: due temi sicuramente molto delicati che hanno una valenza ancora maggiore in una regione, piccola come la nostra, dove le nuove tecnologie non riescono ad avere equa diffusione territoriale». Ad affermarlo è il vicepresidente del Consiglio regionale, Filippo Monaco, a spiegazione dell’ordine del giorno presentato nella seduta pomeridiana del Consiglio regionale e sottoscritto all’unanimità da tutti i consiglieri regionali.

«Da più parti – spiega il vicepresidente - ho avuto la conferma che il digitale terrestre non ha la stessa copertura e diffusione. In particolare, il canale regionale della Rai, in alcune zone del nostro territorio, è praticamente inesistente. Questa è una questione assai delicata, perché si priva il cittadino della possibilità di avere una pluralità di canali da cui attingere le informazioni, violando così il cosiddetto pluralismo dell’informazione e, soprattutto, perché i cittadini continuano a pagare il canone senza poter poi usufruire del servizio pubblico radiotelevisivo».

«E’ per questo che, attraverso un ordine del giorno che ha visto il consenso di tutta l’aula consiliare – conclude Monaco - ho voluto impegnare il Governo regionale a chiedere alla sede Rai centrale di effettuare i dovuti controlli sul territorio regionale al fine di verificare la copertura delle frequenze digitali dei canali Rai, e, del caso, ad attivare tutte le azioni connesse al fine di consentire a tutti i cittadini molisani l’accesso all’informazione locale della TG3 Molise proprio a garanzia del diritto all’informazione e parità di accesso all’informazione stessa».

AllegatoDimensione
Ordine del giorno RAI38.12 KB
categorie: 

Realizzato da . Copyright 2001-2017.