CALRE, Niro a Siviglia con il Gruppo di lavoro “E-Democracy”

Il presidente del Consiglio regionale del Molise, Vincenzo Niro, sta partecipando, attraverso il Gruppo di lavoro E-Democracy, ad una serie di incontri, iniziati questa mattina a Siviglia, nella sede del Parlamento dell’Andalusia, nell’ambito di progetti e azioni riferiti alla CALRE, la Conferenza delle Assemblee Legislative Regionali Europee.

Nei vari seminari, aperti dal presidente del Parlamento dell’Andalusia e Coordinatore del Gruppo di lavoro “E-Democracy”, Manuel Gracia Navarro, sono stati affrontati i risvolti che l’attuazione dell’e-democracy ha in termini di trasparenza (Dlgs 150/2009) sull’apparato burocratico-amministrativo e nei rapporti tra istituzioni e cittadinanza, al fine di promuovere una società dell’informazione inclusiva, in cui i benefici sociali ed economici siano allargati a tutti i cittadini.

«Le nuove tecnologie – ha rimarcato il presidente Niro – rappresentano un efficace strumento sia per dotare i cittadini di tutte le informazioni utili per una partecipazione consapevole, sia per attivare “finestre di dialogo”, attraverso le quali giungere a decisioni condivise. Nella nostra società, dove si moltiplicano le occasioni e le necessità di un rapporto costante e più diretto di confronto e di collaborazione fra istituzioni pubbliche e soggetti privati, sarà tuttavia fondamentale coinvolgere tutti gli ambiti sociali, e non soltanto le Pubbliche Amministrazioni».

«In particolare - ha continuato Niro - i processi di e-democracy potranno mostrare tutta la loro essenzialità se riusciranno a suscitare, anche nei giovani, interesse per la vita pubblica, mostrando loro la bellezza dell’impegno civile attraverso un nuovo modo di parteciparvi. Questo discorso, partendo dalla realtà locale che è a me più vicina, non può non coinvolgere i numerosi giovani iscritti presso le facoltà universitarie situate in regione, per i quali andrebbero creati spazi di dialogo on line (network, blog) tra questi e i governatori locali, nei quali raccogliere proposte e progetti, da cui trarre stimoli importanti per la migliore amministrazione della cosa pubblica».

«Da qualunque punto di vista lo si guardi – ha concluso il presidente – l’incontro di più voci non può fare altro che produrre un arricchimento, i cui benefici ricadranno inevitabilmente sull’intero territorio, a patto che si sappia dare concretezza a quanto auspicato teoricamente. A tal proposito, dunque, nei prossimi giorni sarà convocato a Campobasso un incontro con tecnici e professionisti delle ICT per rendere il processo di e-democracy realmente efficace, nel rispetto della vigente normativa nazionale sulla sensibilità dei dati».

Per conferire concretezza alle idee venute fuori dall’incontro di oggi, infine, il presidente Niro ha suggerito la predisposizione di un ordine del giorno, con tutti i partecipanti della CALRE, sugli obiettivi condivisi da sottoporre alle rispettive Assemblee Legislative.

Agli incontri hanno preso parte, tra gli altri, Pilar Rojo Noguera, presidente della CALRE; Manuel Jimenez Barrios, consigliere della Presidenza; Manuel Villoria, professore universitario; Peter Black, rappresentante dell’Assemblea nazionale del Galles; Sandra Costa, segretaria generale dell’Assemblea legislativa della Regione Autonoma delle Azores; Juan Manuel Roa, imprenditore; Enrique Javier Benitez Palma; rappresentante del Parlamento dell’Andalucia.

Realizzato da . Copyright 2001-2018.