Mozione San Timoteo, Monaco contesta il rinvio

BIG.jpg

«Sono decisamente amareggiato. La seduta straordinaria di Consiglio di questa mattina altro non è stato un modo per temporeggiare, per dilatare ancora di più i tempi nel dover prendere decisioni serie, responsabili ed efficaci a favore della nostra sanità e, di questo, non posso che prenderne atto. Sono dispiaciuto soprattutto del fatto che si è persa una ulteriore occasione per poter risollevare un settore, quello della sanità, che riguarda l’80% della spesa pubblica».

Alza la voce il vicepresidente del Consiglio regionale, Filippo Monaco, che questa mattina ha illustrato la mozione riguardante il presidio ospedaliero San Timoteo di Termoli, che raccoglie le istanze provenienti dai cittadini e dai comitati in difesa della sanità bassomolisana, la cui trattazione è stata rinviata su proposta del consigliere Totaro. «L’ennesimo escamotage adottato dal Consiglio regionale di non discutere le modifiche da apportare al Piano di rientro dal disavanzo sanitario», commenta l'esponente di Palazzo Moffa.

«Naturalmente - sottolinea Monaco - nonostante l’amarezza, grido forte che non mi fermo di certo qui. Insieme ai comitati civici,che spontaneamente sono nati a difesa della sanità, e mi riferisco in particolar modo al Comitato San Timoteo di Termoli del quale sono un umile portavoce, porterò le istanze e le richieste di modifiche al Piano sanitario illustrate questa mattina in ogni sede di discussione: dalle Commissioni e nuovamente in Consiglio».

«Di certo oggi - conclude il vicepresidente - dopo l’ennesimo schiaffo alle responsabilità, farò sentire ancora più forte la mia voce a tutela del popolo molisano e del loro diritto alla salute».

AllegatoDimensione
Mozione sanità109.83 KB
categorie: 

Realizzato da . Copyright 2001-2018.