Proposta di legge energie rinnovabili e tutela della biodiversità, l’assessore Facciolla replica al “Comitato No Eolico Selvaggio. Sì Molise”

BIG.jpg

«La demagogia non appartiene assolutamente all’azione politica ed amministrativa del nostro Governo regionale». Questa l’affermazione a caldo dell’assessore regionale alle Politiche agricole e Tutela dell’ambiente, Vittorino Facciolla, in risposta alle critiche mosse dal “Comitato No Eolico Selvaggio, Sì Molise” in merito alla proposta di legge regionale avanzata dallo stesso assessore e dal vicepresidente della Giunta regionale, Michele Petraroia, inerente le “Misure Urgenti per la gestione coordinata delle energie rinnovabili e la tutela della biodiversità nella Regione Molise”.

Un’iniziativa legislativa positiva che, nel rispetto della normativa statale vigente, stabilisce i criteri per l’individuazione delle aree non idonee all’installazione di nuovi impianti per la produzione di energie rinnovabili e demanda al Consiglio regionale l’adozione di un Piano energetico per la puntuale individuazione dei siti. Una proposta di legge che, tra l’altro, per il tempo strettamente necessario alla definizione del piano energetico di cui sopra, sospende i termini dei procedimenti in corso per le autorizzazioni già richieste per la costruzione e l’esercizio degli impianti.

«Si tratta di un’iniziativa importante per il nostro territorio, di un’azione che dà finalmente il via ad un iter per una legge regionale che possa definitivamente regolamentare l’installazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili», sottolinea l’assessore Facciolla, nel replicare a quanti hanno tacciato la proposta come demagogica.

«Per tale ragione, si è persa, ancora una volta, una buona occasione per valutare serenamente la bontà dell’iniziativa lasciando il passo a sterili quanto pretestuose polemiche», conclude Facciolla.

categorie: 

Realizzato da . Copyright 2001-2017.