Cop21 - Il Presidente Cotugno: ognuno di noi può contribuire a migliorare lo stato di salute del pianeta - il Consiglio regionale ha dato il suo contributo

Il mondo aiuti la terra! Con questo spirito 195 nazioni hanno sottoscritto l’accordo sul Clima a Parigi che mira a contenere l’aumento della temperatura globale al di sotto dei 2° C e che manifesta la presa d’atto del rischio concreto di surriscaldamento del pianeta. Due settimane di intenso lavoro che hanno portato i delegati alla Cop21, convocata dall’Onu, a condividere un testo che dal 2020 porterà a modificare i controlli sulle emissioni atmosferiche dei paesi aderenti all’accordo. “La solidarietà mostrata dai paesi maggiormente industrializzati” afferma il Presidente Cotugno “nei confronti dei rischi reali sull’ecosistema del pianeta non può che essere salutato in maniera entusiastica. Ma indipendentemente dalle scelte della politica internazionale” continua il Presidente Cotugno “ritengo che ognuno di noi possa contribuire a migliorare lo stato di salute del pianeta con scelte semplici ma decisive per la salvezza della nostra Terra. Anche il Consiglio Regionale del Molise, nel suo piccolo, ha cercato di dare un contributo per il miglioramento delle condizioni climatiche approvando nella seduta del 1° Dicembre scorso una delibera che ha impegnato l’intera Giunta regionale a svolgere un ruolo propulsivo nei confronti del Governo nazionale sulle tematiche relative alle scelte energetiche e al contrasto dei cambiamenti climatici. Ma vorrei ricordare che l’impegno di questo Consiglio sull’ambiente è costante e già nel luglio scorso è stata votata all’unanimità una mozione promossa da me inerente i rischi ambientali nella piana di Venafro. Una mozione” sottolinea il Presidente Cotugno “tesa ad impegnare la Giunta regionale a predisporre una legge che abbia ad oggetto la disciplina degli agenti inquinanti in ragione del “Principio di Precauzione”. Il nostro territorio è minacciato dalla presenza di un mix di agenti inquinanti a causa della presenza di impianti di incenerimento le cui emissioni potrebbero trasformare la piana di Venafro in una vera e propria “Camera a gas”. Proprio in questi giorni l’associazione Mamme per la Salute ha lanciato l’ennesimo allarme al riguardo che faccio mio e in ragione del quale è mia intenzione sollecitare formalmente la Regione Molise e tutti i Comuni della Piana ad adottare tutti gli atti necessari per scongiurare l’eventualità che gli inceneritori di Pozzilli e Sesto Campano possano ottenere il codice CER 19.12.12. e bruciare rifiuti indifferenziati ovvero le eco-balle di Napoli. Il Consiglio regionale del Molise” conclude il Presidente Cotugno “lavorerà di concerto con tutti gli enti e le associazioni per la tutela concreta della salute e del benessere della nostra popolazione”.

Realizzato da . Copyright 2001-2017.