Il Consiglio Regionale approva all'unanimità il Piano Regionale Triennale di prevenzione e contrasto alla violenza contro le donne

Il Consiglio Regionale, presieduto dal Presidente Vincenzo Cotugno, ha approvato nella seduta pomeridiana di oggi, il “Piano Regionale Triennale di prevenzione e contrasto alla violenza contro le donne”. Ha illustrato il provvedimento all’Aula il Relatore, Consigliere Manzo. Il Piano, si legge nelle note di sintesi, ha l’obiettivo di promuovere e sostenere le attività di prevenzione, di tutela e di sostegno alle vittime della violenza, nonché l’informazione, la sensibilizzazione e la costruzione di percorsi di crescita culturale e solidale. A tal fine l’Osservatorio Fenomeni Sociali della Regione Molise raccoglie i dati qualitativi e quantitativi sul fenomeno di maltrattamento ed abuso attraverso la mappatura: dei servizi e delle strutture; degli operatori impegnati ed i loro fabbisogni formativi; del numero delle famiglie a rischio per l’individuazione precoce del disagio sociale ed il sostegno necessario; dei casi valutati come sospetti; dei casi conclamati. È quindi creato il “Percorso Rosa” di accesso al Pronto Soccorso degli Ospedali di Campobasso, Isernia e Termoli, riservato alle vittime di violenze, mediante l’Assegnazione di un “Codice Rosa” e l’intervento di un gruppo operativo composto da personale sanitario e dalle forze dell’ordine. Il Piano quindi prevede l’istituzione, entro tre mesi dalla sua approvazione, di un “Centro Antiviolenza” che tra le altre cose è chiamato ad erogare: servizi di informazione, ascolto, accoglienza a tutela delle donne in difficoltà riguardanti i presidi sanitari, psicologici e legali; consulenza psico-sociale, socio-educativa, psicoterapeutica e legale con avvocati iscritti all’albo del gratuito patrocinio; assistenza alla donna nella ricerca del lavoro e di un’adeguata sistemazione alloggiativa; servizi di prevenzione attraverso attività di interventi di formazione e sensibilizzazione. Sempre entro tre mesi dall’approvazione del Piano è prevista l’istituzione di una “Casa Rifugio” in modo da offrire alle donne e ai loro figli, a titolo gratuito, un luogo sicuro per sottrarsi all’aggressività e ai maltrattamenti dei loro persecutori ed intraprendere un percorso evolutivo che, a partire dall’affrancamento delle condizioni esistenziali del passato, consenta loro di ricostruire la propria vita in autonomia. L’indirizzo della struttura dovrà essere protetto e segreto. Dopo l’intervento del Presidente della IV Commissione consiliare, Lattanzio, il Piano e’ stato approvato all’unanimità’ dall’Assemblea.

Il Consigliere Niro ha quindi illustrato una sua Interpellanza relativa al “Piano sociale regionale 2015-2018 - elenco regionale al ruolo di coordinatore della rete di servizio dell’ambito sociale territoriale - Avviso Pubblico”. Ha risposto per l’Esecutivo il Vice Preisdente Facciolla. Il Consigliere Niro si è detto non soddisfatto.

Il Consigliere Manzo ha illustrato una sua Interrogazione, firmata anche dal Consigliere Federico, avente ad oggetto “attività svolte e personale impiegato nell’Osservatorio Regionale sulla qualità degli alimenti di origine vegetale”. Per la Giunta ha dato risposta il Vice Presidente Facciolla. Il Consigliere Manzo si è detto soddisfatto.

a cura della Comunicazione Pubblica del Consiglio Regionale del Molise

 

categorie: 

Realizzato da . Copyright 2001-2017.