Sintesi della seduta del Consiglio regionale del 26 gennaio 2017

Il Consiglio Regionale, presieduto dal Presidente Vincenzo Cotugno, ha approvato nella seduta pomeridiana dedicata alla Manovra Finanziaria, il “Bilancio di previsione pluriennale del Consiglio regionale per gli esercizi finanziari 2017-2019”. Il provvedimento è stato illustrato all’Aula dal relatore, Presidente della I Commissione permanente, Di Nunzio, che ha evidenziato come il Bilancio di previsione triennale, che risponde ai criteri della rivalutazione della spesa corrente, del finanziamento delle spese obbligatorie dell’Assemblea e degli oneri derivanti dalle leggi regionali, mira a ridurre –garantendo gli equilibri di bilancio- la spesa pubblica, adeguandosi alle disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili delle pubbliche amministrazioni voluta dallo Stato centrale. Il Bilancio pluriennale in particolare -è stato evidenziato- prevede un ammontare complessivo di 5 milioni e 600 mila euro per l’esercizio 2017 finalizzati alla copertura delle spese obbligatorie e al funzionamento delle strutture amministrative dell’Assemblea legislativa regionale. Mentre per il 2018 vengono previsti 5 milioni e 400 mila euro. Per il 2019, invece, sono previsti 5 milioni e 500 mila euro. Il Presidente Cotugno ha voluto sottolineare come nel Bilancio di previsione del Consiglio sono state previste riduzioni in quasi tutti i campitoli di spesa. Come pure il Presidente del Consiglio ha rilevato che rispetto al fabbisogno dell’Assemblea regionale stimato per il 2017, nel provvedimento in approvazione sono stati ridotti oltre 200 mila euro; mentre, rispetto al 2016, sono stati destinati alla gestione delle spese dell’Assise consiliare circa 100 mila euro in meno. Il provvedimento è stato approvato a maggioranza con i voti contrari dei Consiglieri Scarabeo, Manzo e Federico. Sono intervenuti per esprimere le loro opinioni e determinazioni al voto, oltre al Presidente Cotugno e al Presidente della Giunta Frattura, i Consiglieri Iorio, Niro, Lattanzio, Petraroia e Scarabeo.

L’Assise ha quindi iniziato la discussione generale -dopo la introduzione fatta all’Aula dal relatore del provvedimento Di Nunzio- del Documento di Economia e Finanza Regionale (DEFR) per il triennio 2017-2019. All’intervento del Presidente Frattura, che ha voluto illustrare al Consiglio gli obiettivi strategici che si prefigge il documento, è seguito quello del Consigliere Iorio. Vista l’ora e considerato il numero dei Consiglieri che hanno chiesto di intervenire sull’argomento, il Presidente Cotugno ha aggiornato la seduta a domani mattina, venerdi 27 gennaio, alle ore 10:00. Di seguito al DEFR verranno quindi discussi gli altri punti all’ordine del giorno relativi alle leggi e provvedimenti che fanno parte della Manovra Finanziaria.

In mattinata, invece, nella seduta che aveva all’ordine del giorno gli argomenti rivenienti dalla riunione del Consiglio regionale dello scorso 17 gennaio, si è conclusa la discussione (già in parte svolta nella citata seduta del 17) sulla Mozione presentata dal Consigliere Petraroia, avente a oggetto “l’istituzione di una Commissione speciale d’inchiesta sul Contratto di Servizio tra la Regione Molise e Trenitalia”. Dopo gli interventi dei Consiglieri Petraroia, Federico, Niro e Iorio, e degli Assessori Facciolla e Nagni, volti a esprimere le rispettive posizioni politiche sull’argomento in trattazione, l’Assemblea non ha approvato la Mozione.

a cura dell'Ufficio Comunicazione Pubblica del Consiglio Regionale del Molise

 

 

 

 

 

categorie: 

Realizzato da . Copyright 2001-2017.