Il Consiglio regionale approva due atti di indirizzo per gli ex lavoratori Ittierre e per il Piano degli investimenti sanitari

Si è riunito nella giornata di oggi il Consiglio regionale del Molise che come da richiesta di tutti i Capigruppo ha dibattuto delle problematiche degli ex lavoratori Ittierre.

Ha introdotto i lavori l’Assessore al ramo, si è quindi svolta la discussione nella quale sono intervenuti vari Consiglieri per esprimere i propri punti di vista e argomentare sulle rispettive posizioni politiche sostenute. Ha concluso il dibattito il Presidente della Regione.

In relazione alla questione dibattuta, facendo sintesi delle posizioni risultate più ampiamente condivise, l’Assemblea regionale ha approvato a maggioranza un ordine del giorno.

Con l’atto di indirizzo approvato il Consiglio regionale prende atto delle problematiche degli ex lavoratori Ittierre che non potranno usufruire dei finanziamenti stanziati dal Governo centrale per il pagamento della mobilità in deroga, in quanto risultati sprovvisti dell’indispensabile requisito della continuità nell’ambito dell’erogazione dell’ammortizzatore sociale.

In considerazione della complessità della questione e delle problematicità che investono gli ex occupati dell’industria tessile di Pettoranello, sia la Giunta che l’Assise consiliare convengono quindi sull’opportunità di operare uno sforzo comune per individuare una soluzione politica per reperire i fondi necessari. A tal fine, con l’ordine del giorno varato, si dispone che la questione ex lavoratori Ittierre, relativamente all’individuazione dei fondi per il pagamento della mobilità in deroga, venga trattata dalla II Commissione consiliare permanete mediante l’espletamento di un’indagine conoscitiva, alla quale segua una puntuale relazione da rendere al Consiglio regionale. Un luogo, la Commissione -è stato rilevato dai vari interventi- per ragionare insieme, Consiglio e Giunta, maggioranza e minoranza, a fine di individuare le azioni e le strategie più idonee a dare delle risposte alle problematiche degli ex lavoratori dell’azienda isernina e alle loro famiglie.

 

E’ stata quindi discussa e approvata (a maggioranza dei presenti) una mozione avente ad oggetto “Programma interventi sanitari ex art. 20 Legge n. 67/1988 – Accordo di programma per il settore degli investimenti sanitari”.

In particolare con l’atto di indirizzo espresso,  il Consiglio rileva che, con provvedimento del Commissario ad acta della sanità del 26 aprile 2018, è stato approvato il Piano di investimenti Sanitari finalizzato al completamento, miglioramento funzionale ed ammodernamento tecnologico dell’esistente come previsto dal Programma Operativo Sanitario 2015. Il Piano prevede investimenti per circa 105 milioni di euro, di cui 100 milioni provenienti dallo Stato e 5 milioni dalla Regione Molise.

Successivamente –viene riferito nell’odg- il Tavolo tecnico per la verifica degli adempimenti regionali e il Comitato permanente per la verifica dei livelli essenziali di assistenza, nella riunione del successivo 24 luglio 2018, hanno specificato che per la piena operatività del Piano occorra una convalidazione da parte del nuovo Commissario ad acta nominato dopo le elezioni regionali. Il Consiglio, inoltre, prende atto che il Presidente della Regione ha invitato all’attuale Commissario ad acta, alla luce del principio costituzionale della leale collaborazione, a comunicare, con opportuna tempestività, ogni provvedimento che intende emanare, in adempimento ai compiti attribuiti dal Governo.

Pertanto, l’Assemblea impegna il Presidente della Giunta regionale ad invitare il Commissario ad acta e la struttura commissariale a porre in essere tutti gli atti necessari al fine di poter procedere, nel minor tempo possibile, alla sottoscrizione dell’Accordo di programma per la realizzazione degli interventi di edilizia sanitaria, così come rimodulati a seguito di espressa richiesta da parte del Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Per avvalersi dei fondi necessari a sostenere il Piano di interventi sanitari, infatti, occorre sottoscrivere uno specifico Accordo di programma con i Ministeri competenti. Lo stesso Accordo ha la finalità di presentare gli interventi che la Regione Molise intende attivare per migliorare il governo del Servizio Sanitario Regionale attraverso il riordino delle reti assistenziali e delle strutture sanitarie coinvolte, a seguito della razionalizzazione dell’offerta sanitaria.

 

Al termine del Consiglio, presieduta dal Vice Presidente del Consiglio, si è tenuta una seduta della Conferenza dei Presidenti dei Gruppi Consiliari. Il Presidente, dopo aver relazionato sugli atti più urgenti da porre all’attenzione dell’Assise, e dopo aver sentito in merito i vari Capigruppo, ha deciso di convocare per lunedì 1° aprile la prossima seduta dell’Assemblea consiliare.

a cura dell'Addetto Stampa del Consiglio Regionale del Molise (MS)

(*) il testo delle presente notizia tiene conto delle norme dell’impersonalità della comunicazione istituzionale previste dall’art. 9 della legge 22 febbraio 2000, n. 28 (Disposizioni per la parità di accesso ai mezzi di informazione durante le campagne elettorali e referendarie e per la comunicazione politica).

categorie: 

Realizzato da . Copyright 2001-2018.