Comunicato n. 89 del 29 aprile 2021 - seduta Consiglio regionale

Presieduto dal Presidente Salvatore Micone il Consiglio regionale ha concluso l’esame degli argomenti facenti parte la Manovra di bilancio regionale 2021-2023.

 

L’Assemblea, come previsto dall’ordine del giorno, ha iniziato l’esame della proposta di legge n. 156, di iniziativa della Giunta regionale, concernente “Bilancio di previsione pluriennale per il triennio 2021-2023”.

Ha illustrato il provvedimento all’Aula il relatore e Presidente della I Commissione Andrea Di Lucente.

 

E’ seguito l’esame e la votazione degli 11 ordini del giorno collegati

 

Di questi ne sono stati approvati 3 dall’Assemblea legislativa regionale:

  • Ordine del giorno presentato dal Consigliere Vittorino Facciolla avente ad oggetto “Richiesta azzeramento debito sanitario” (approvato all’unanimità, dopo gli interventi per dichiarazione di voto dei Consiglieri Facciolla, Greco, Iorio, Primiani, Nola, Romagnuolo e il Presidente della Regione Toma). Con l’atto di indirizzo varato, l’Assise regionale, premettendo che il disavanzo sanitario nell’ultimo anno è stato di oltre 120 milioni di euro, e che lo stesso è maturato in costanza di gestione commissariale, rileva come in altre regioni, con decreto, tale tipologia di debito è stato già azzerato. Pertanto si impegna la Giunta regionale ad assumere ogni idonea iniziativa finalizzata a chiedere ed ottenere dal Governo nazionale l’azzeramento del debito da disavanzo sanitario per il Molise.
  • Ordine del giorno a firma del Consigliere Vittorino Facciolla avente ad oggetto “Richiesta ricostituzione Comitato VIA” (approvato all’unanimità, dopo gli interventi per dichiarazione di voto dei Consiglieri Facciolla, De Chirico, Manzo, Nola e del Presidente della Regione Toma). Con l’atto di indirizzo varato l’Assise legislativa regionale, nel rilevare che il Comitato VIA ha visto nel corso degli anni perdere, per le ragioni più disparate, i propri membri, e rilevando che la mancanza dello stesso rappresenta una grave carenza sia funzionale che di legge, impegna la Giunta regionale ad attivarsi affinchè possa essere immediatamente il medesimo Comitato.
  • Ordine del giorno a firma del Consigliere Vittorino Facciolla avente ad oggetto “Richiesta approvazione regolamento attuativo del Piano energetico regionale” (approvato all’unanimità, dopo gli interventi per dichiarazione di voto dei Consiglieri Facciolla, Manzo, Di Lucente e del Presidente della Regione Toma). Con l’atto di indirizzo varato, l’Assise legislativa regionale, rileva che nonostante sia stato approvato il Piano energetico regionale da oltre quattro anni ad oggi ancora non risulta varato il Regolamento attuativo che di fatti lascia la Regione scoperta rispetto ad una puntuale quanto necessaria attività di programmazione energetica, consentendo, in astratto, attività depauperative del paesaggio molisano nonchè detrazioni architettoniche, archeologiche e ambientali. Di qui l’impegno alla Giunta regionale ad attivarsi affinchè possa essere proposto ed approvato il Regolamento attuativo del Piano energetico regionale.

 

Sono quindi intervenuti per dichiarazione di voto sui singoli articoli e sul testo finale i Consiglieri Greco, Fanelli, De Chirico e il Presidente della Giunta Toma.

 

Il Disegno di legge n. 156 della Giunta regionale, ultimo dei provvedimenti facenti parte la Manovra  di bilancio 2021-2023, è stato quindi approvato, così come emendato in Aula, con 11 voti favorevoli, 8 contrari e 2 astensioni.

 

 

 

In particolare il provvedimento approvato dall’Aula prevede, per l'esercizio finanziario 2021, entrate di competenza per euro 2.019.180.159,07 e di cassa per euro 2.390.473.771,79,  mentre le spese di competenza saranno pari a euro 2.019.180.159,07,  di cassa per euro 2.286.329.203,27.

132.011.421,60 euro sono, invece, le previsioni delle entrate proprie a libera destinazione per l’anno 2021.

Si iscrivono negli stanziamenti per l’anno 2021 le entrate derivanti da attività di accertamenti relative alla tassa automobilistica per gli anni 2018 e 2019 che, con legge di bilancio regionale, vengono vincolati alla copertura del maggiore disavanzo al 31.12.2019 relativamente alla quota 2021. Parimenti vincolate sono le entrate previste per l’esercizio 2021 derivanti da alienazioni di beni dell’Ente Regione. In sintesi, le previsioni delle entrate proprie a libera destinazione 2021, contenute nella proposta di bilancio 2021/2023, hanno subìto un decremento rispetto all’anno 2020 dell’8% circa.

Le risorse destinate al settore sanitario regionale sono pari a € 682.264.457,41. Oltre tali risorse, è stato iscritto nella missione 13, il finanziamento corrente straordinario per interventi relativi all’emergenza sanitaria “Covid 19” di cui al Decreto-legge n. 34/2020 pari a euro 6.495.854,00.

A pesare sul bilancio del 2021 –ha sottolineato Di Lucente- e sui futuri è un disavanzo ingente. Nel Rendiconto 2019 approvato con L.R. n.17/2020 è stato quantificato alla data del 31.12.2019 in euro 533.485.728,21 mentre per il 2020 il disavanzo presunto è pari ad euro 505.309.201,88. Da notare, quindi, un miglioramento importante nella quota di ripiano del debito con un miglioramento rispetto alla composizione del disavanzo obiettivo da piano di rientro che al 31.12.2020 è di euro 513.751.562,93 in quanto sulla base del risultato di amministrazione presunto al 31.12.2020 pari ad euro - 505.309.201,88 si realizzerebbe un miglioramento nel disavanzo”.

 

Campobasso, 29 aprile 2021

a cura dell'Ufficio Comunicazione pubblica del Consiglio Regionale del Molise (MS)

 

Realizzato da . Copyright 2001-2020.