IL PRESIDENTE MICONE SULL’EPISODIO DI VIOLENZA DI QUESTE ORE E SUL CLIMA DI FORTE CONTRAPPOSIZIONE NEL QUALE SI È COMPIUTO: IN DEMOCRAZIA CHI ESPRIME LE PROPRIE IDEE CON LA VIOLENZA FISICA E VERBALE HA SEMPRE TORTO

In relazione all’episodio di violenza che ha visto coinvolto, in queste ore, uno stretto collaboratore del Presidente della Regione, il Presidente del Consiglio regionale Salvatore Micone ha dichiarato:

La violenza, in ogni sua forma, è sempre un’espressione sbagliata ed inaccettabile in un confronto civile e  democratico, che raggiunge il solo obiettivo di passare, in automatico, quali che siano le sue motivazioni, dalla parte del torto chi la pratica. Quale Presidente della massima Assise regionale, casa comune del legittimo confronto di idee e programmi che ammette a volte il ricorso ad una dialettica dai toni anche aspri, ma sempre rispettosi delle singole posizioni e della dignità delle persone, sono certo di rappresentare tutte le forze politiche nello stigmatizzare ogni clima di odio e contrapposizione che generi violenza verbale e fisica. Condizioni, queste, che rendono tutti perdenti nella sfida che ciascuno, politico o cittadino, è chiamato ad affrontare per dare un futuro a questa nostra terra ed essere esempio positivo per le prossime generazioni. La solidarietà va, quindi, sempre e comunque a chi in queste ore è stato vittima di violenza, con l’auspicio che tutti possiamo collaborare a stemperare il clima di frizione che l’ha determinata”.

 

Campobasso, 14 maggio 2021

a cura dell'Ufficio Comunicazione pubblica del  Consiglio Regionale del Molise  (MS)

 

Categorie notizie: 

Realizzato da . Copyright 2001-2020.