Comunicato n. 162 del 2 settembre 2021 -seduta Consiglio regionale

Presieduto dal Presidente Salvatore Micone si è riunito oggi, dopo la sospensione estiva, il Consiglio regionale.

In apertura dei lavori il Presidente della Giunta regionale, Donato Toma, ha dato notizia ufficiale all’Aula di come nella seduta del Consiglio dei Ministri dello scorso 5 agosto, alla quale ha partecipato su invito del Presidente Draghi, è stato nominato, a seguito delle dimissioni della dottoressa Degrassi, Commissario ad acta per il rientro dal disavanzo sanitario della Regione Molise. Il Presidente Toma, dunque, ha riferito di aver informato in quell’occasione il Governo delle problematiche del sistema sanitario molisano e della necessità di un opportuno supporto dell’Esecutivo nazionale, magari anche con lo sblocco delle risorse delle premialità annuali, per giungere in tempi ragionevoli al rientro dal disavanzo creatosi e per il superamento, quindi, del commissariamento.

Toma ha poi riferito di aver attivato, a  seguito della nomina governativa, la Giunta regionale che ha emanato un apposito provvedimento di assunzione di un piano triennale per l’impegno delle necessarie risorse, oltre 13 milioni di euro, per soddisfare la richiesta, a suo tempo espressa dalla struttura commissariale per il rientro dal disavanzo sanitario, delle fiscalità regionali relative agli anni 2015 e 2016. Provvedimento che segue gli impegni già assunti e soddisfatti in precedenza dall’Esecutivo regionale per le annualità 2018, 2019, 2020.

Come pure la Giunta ha provveduto ad unificare, in una sola direzione, la struttura che gestisce la sanità con quella del bilancio della Regione.

Entrambi questi provvedimenti, in linea con le richieste dei Ministeri affiancanti, possono consentire agli stessi di attivare i propri poteri discrezionali per sbloccare le risorse delle premialità annuali in beneficio della sanità molisana.

Lo stesso Presidente, inoltre, ha rilevato che gli impegni conferitigli dal Governo come Commissario ad acta si sostanziano, tra le varie cose, con l’attuazione del Piano operativo 2019-2021 e con la redazione, adozione e attuazione del Piano operativo 2022-2024. Per quanto riguarda il Piano operativo 2019-2021, il Presidente della Regione ha rilevato che lo stesso è stato inviato ai Ministeri competenti nel settembre 2020 dal precedente Commissario. Ne sono seguite alcune osservazioni da parte delle strutture nazionali, che, però, non sono state ancora recepite. Impegno del Presidente è stato quello di aggiornare opportunamente il Piano 2019-2021 con i rilievi governativi, e quindi iniziare a lavorare al PO 2022-2024.

Infine, il Presidente ha ribadito l’intenzione di impegnarsi nel recupero della mobilità passiva.

Toma ha, in aggiunta, fornito informazioni circa la gestione delle situazioni emergenziali succedutesi nello scorso mese di agosto, relative agli incendi che hanno coinvolto varie zone del territorio molisano.

Sono seguiti gli interventi dei Consiglieri Greco, Fanelli, Cefaratti e Iorio.

L’Assemblea ha quindi esaminato tre atti di indirizzo iscritti all’ordine del giorno, nessuno dei quali però, in sede di votazione, ha raggiunto il quorum necessario per l’approvazione.

Campobasso, 2 settembre 2021

a cura dell'Ufficio Comunicazione pubblica del Consiglio Regionale del Molise (MS)

 

Realizzato da . Copyright 2001-2020.